Così aiutiamo i minori in Benin

Il . Inserito in Benin - Piccoli artigiani crescono

Articolo pubblicato su "Il Giornale di Vicenza" - CRONACA, pagina 21

SOLIDARIETÀ. Da Vicenza per sostenere un progetto della Regione

Borse e grembiuli

L´Asoc ha aperto una serigrafia: a fare lezione ai ragazzi il maestro Renzo Pagliarusco. Ora serve una macchina in grado di stampare a più colori.

 


Renzo Pagliarusco mentre tiene la lezione teorica sulla stampa serigrafica"Piccoli artigiani crescono" è un progetto finanziato dalla Regione con 40 mila euro. Braccio operativo l´Asoc, Associazione solidarietà e cooperazione internazionale.
«Una missione, l´ennesima, che prevede la creazione di un´attività in grado di generare reddito per giovani poverissimi, con due partner locali: il Movimento dei bambini e Giovani lavoratori del Benin, 15 mila i minori e un gruppo di 13 donne sarte dell´associazione Bon Accueil». A parlare il responsabile del progetto, Aldo Prestipino che è rientrato con il maestro serigrafo Renzo Pagliarusco dopo un viaggio in Benin per controllare l´avanzamento dell´operazione.
«L´attività che il Movimento dei bambini e giovani lavoratori ha deciso di avviare consiste in un serigrafia, per la quale sono stati formati 6 giovani ai quali se ne andranno ad aggiungere altri 4 nel prossimo gennaio - spiega Prestipino - Dieci ragazzi che in questo settore cercano un´alternativa alla precarietà, all´emigrazione, e al bisogno di formazione».
Una prova pratica di stampa su tela nel laboratorio allestito al centroProprio per approfondire e qualificare il loro percorso formativo Renzo Pagliarusco, vicentino, maestro serigrafo, per molti anni impiegato nella ditta Ferappi e docente nei corsi di formazione del Patronato Leone XIII, ha accettato di mettere a disposizione la sua competenza per il gruppo di giovani beninesi.
La serigrafia, che si trova a Cotonou nella della sede nazionale del Movimento ?Aejt B?, è quanto di più lontano dalle aziende del settore che esistono in Italia: niente macchine, solo alcuni telai di stampa e un grande banco di lavoro. Pochi gli attrezzi a disposizione, ma una grande volontà da parte dei giovani e un´organizzazione ancora da tutta da strutturare.
In questa situazione Renzo Pagliarusco si è rimboccato le maniche partendo da un quaderno di conoscenza generale della materia che era stato preparato e tradotto prima di partire, facendo costruire un tavolo con due diverse postazioni di lavoro e per insegnare come si costruiscono i telai di stampa.
Gli studenti sulla terrazza della sede del Movimento Aejt B«Il corso iniziava il mattino e si proseguiva fino alle 18 - riassume il portavoce Asoc - I ragazzi, età media di 16 anni, provenienti da situazioni difficili e che avevano una formazione insufficiente, alla fine del corso di aggiornamento, durato due settimane, erano capaci di tenere sotto controllo l´intero ciclo di produzione. L´ultimo giorno sono riusciti a stampare decine di modelli di buonissima qualità senza alcun difetto o imperfezione».
«I giovani hanno acquisito nozioni sufficienti, ora manca il mezzo - riprende Prestipino - Le commesse non mancano: si tratta di borse e t- shirt che vengono Ed ecco i teli stampaticommissionate da cooperative che si appoggiano sul lavoro di questi ragazzi per le loro ordinazioni». Quindi ecco l´appello: «In febbraio - conclude Prestipino - se non ci saranno novità, si dovrebbe realizzare un secondo corso di aggiornamento, per portare tutti i ragazzi coinvolti nel progetto a stampare in quattro colori e quindi con la possibilità di costruire una campagna di produzione in grado di trovare facile mercato nel loro Paese. Solo allora, quando i tempi saranno maturi Asoc e Italianats, assieme a tutti i partner del progetto, verificheranno la fattibilità di reperire una macchina di stampa anche usata, ma efficiente di tipo manuale, da acquistare in Benin, se sarà possibile, o in Italia per permettere ai 10 ragazzi coinvolti di rispondere alla domanda che il mercato richiede e grazie alla quale potranno contare su un lavoro».
Un campionario di t- shirt e grembiuli serigrafati e borse che sostituiscono quelle di plastica è a disposizione nella sede Asoc di Vicenza in corso Fogazzaro 21. sito: www.asoc.it email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinPinterest

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.