Un nuovo progetto in Benin: “Donne, Lavoro e Ambiente”

Il . Inserito in Comunicati ai soci

ASoC ha inoltrato la domanda per il Bando regionale per la Cooperazione, il progetto dal titolo: "Donne Lavoro Ambiente" si rivolge ad una esperienza incontrata nell'ultima missione in Benin, della città di Djougou dal nome Espace Tissage Djougou (ETD).
I partner del progetto sono: Il Comune di Dueville, ITIS Marzotto di Valdagno, Little Hands di Cantù, Italianats, L'Associazione di immigrati beninesi "Fratelli Uniti del Benin", Espace Tissage Djougou, AEJT Benin.
L'obiettivo generale è sostanziato dal titolo del Progetto.

Bolivia, i bambini potranno lavorare dall'età di 10 anni, ma avranno tutte le garanzie sindacali

Il . Inserito in Notizie dal mondo

Articolo apparso su Repubblica nel mese di luglio 2014

Il nuovo codice dell'infanzia e l'adolescenza approvato dal Parlamento di La Paz, che appare in contrasto con la tendenza internazionale a combattere il lavoro minorile, è il risultato della protesta avviata alla fine dell'anno scorso da un sindacato di minori Unatsbo


LA PAZ
- La Bolivia ha ridotto da 14 a dieci anni l'età minima per poter lavorare. Il nuovo Codice dell'Infanzia e l'Adolescenza approvato dal Parlamento di La Paz, che appare in contrasto con la tendenza internazionale a combattere il lavoro minorile, è il risultato della protesta avviata alla fine dell'anno scorso da un sindacato di minori che chiedevano di poter lavorare sin da bambini, ma con limiti e garanzie fissati dalla legge.

Una Vittoria del Movimento dei Bambini e Adolescenti Lavoratori e del Popolo boliviano

Il . Inserito in Comunicati stampa

In Bolivia è in corso un’ importante pacifica rivoluzione politica e sociale, al centro della quale c'è il progetto di passare da un modello economico fondato esclusivamente sul PIL a uno fondato sulla qualità della vita: il “Buen Vivir”.
Mentre in Europa per nascondere quanto il modello economico fondato sulla necessità ossessiva  del  rilancio  dei consumi non sia in grado di assicurare una degna qualità di vita per tutti, gli Stati europei inseriscono il giro di affari di  attività criminali e dell'evasione fiscale tra i fattori di crescita del PIL , per tenere fittiziamente in piedi questo totem inservibile;  in Bolivia si costruiscono premesse sociali ed economiche nuove e interessanti, tenendo come riferimento il “Buen Vivir”.
Per fare questo la Bolivia si è data una nuova Costituzione che riconosce la multiculturalità presente nel Paese, definendosi Stato Plurinazionale e riscrivendo  leggi e codici in grado di corrispondere alle culture e alla società del propio specifico contesto.

2013 ancora in Perù: Progetto Maria Angola - Adotta un Insegnante

Il . Inserito in Peru - Adottiamo un insegnante

 Il programma “Maria Angola”: il nome di tale progetto viene dalla campana maestra della cattedrale di Cusco che, secondo la leggenda, è stata fusa con l'oro e il sangue di un indigeno per valorizzare il suo suono. La campana suona due volte all’anno per Natale e il Corpus Christi.

Calao Express agosto 2014

Il . Inserito in Notizie dal mondo

CA L A O E X P R E S S 129 (agosto 2014)
Bollettino mensile online del Movimento Africano dei bambini e Giovani Lavoratori
(MAEJT)
Pubblicato da Enda TM con il supporto di Plan
***************************************************************************
Scriveteci aQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.e consultate il sito

http://www.maejt.org
***************************************************************************

Iraq e Siria terreno di guerra di mercenari

Il . Inserito in Comunicati per il sito

Vorrei attirare l'attenzione su una questione  che non viene per nulla affrontata, ed è la presa d'atto della presenza in tutta l'area dal Darfur in Sudan alla Siria, dalla Libia all'Iraq, fino all'Afghanistan di un vero e proprio esercito di mercenari stranieri, che vengono ingaggiati da dittatori, quando ci sono dittatori, che li ingaggiano come il caso di Geddafi in Libia nel 2011, dove: " Secondo fonti, non ufficiali, riportate da Al Jazeera,  evidenziavano la presenza di miliziani arrivati in Libia attraverso il Ciad dalla regione occidentale del Sudan , già distintisi per le atrocità compiute in Darfur nel corso dell'omonima guerra .La repressione è affidata anche a mercenari serbi, ex componenti dei "Berretti Rossi".

Condividiamo l'emozione e la gioia di Estela Carlotto

Il . Inserito in Comunicati per il sito

In questi giorni è sulle pagine dei giornali di tutto il mondo la notizia della ricomparsa del nipote di Estela Carlotto, nato mentre la figlia Laura era prigioniera tra il 1977 e il 1978 in centro clandestino di detenzione della dittatura militare Argentina.

Partecipiamo alla emozione e alla gioia di Estela Carlotto Presidente delle Nonne di Piazza de Mayo con la quale abbiamo avuto occasione di collaborare.

Calao Express luglio 2014

Il . Inserito in Notizie dal mondo

CA L A O E X P R E S S 128 (luglio 2014)
Bollettino mensile online del Movimento Africano dei bambini e Giovani Lavoratori
(MAEJT)
Pubblicato da Enda TM con il supporto di Plan
***************************************************************************
Scriveteci aQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.e consultate il sito

http://www.maejt.org
***************************************************************************

Palestina Israele: la soluzione c'è, l'Europa deve fare la sua parte

Il . Inserito in Notizie dal mondo

Quello che sta succedendo in Palestina è un genocidio, per noi mal informati è difficile da capire perché Hamas il maggior partito democraticamente votato in Palestina, non accetti di sottoscrivere una tregua propiziata da Abu Mazen dell'Autorità palestinese.

E' scomparso Rodolfo Mattarollo

Il . Inserito in Notizie dal mondo

 

Cari Amici,
riceviamo con mestizia la notizia della morte di Rodolfo Mattarollo,
argentino, grande difensore dei diritti umani  (vedi nota di seguito), che negli anni  in cui ASoC era impegnata in progetti di Cooperazione in Argentina aveva accettato il nostro invito ed era stato nostro ospite qui a Vicenza per sostenere la transizione alla democrazia in Argentina. Tra le cose che ci disse, ricordò che ancora tutti i colpevoli delle migliaia di desaparecidos, e di indicibili  violenze  non erano  stati individuati e consegnati alla giustizia e che in Argentina occorreva costruire una assetto democratico che impedisse il ritorno a simili barbarie.

Aldo Prestipino

Centinaia di migliaia di persone in fuga verso il Kurdistan

Il . Inserito in Notizie dal mondo

IRAQ - Mossul: centinaia di migliaia di persone in fuga verso il Kurdistan
Mossul terza città Irachena per numero di popolazione situata al nord del Paese è al centro di una pesante azione militare dei ribelli jihadisti in Iraq che ha provocato mezzo milione di profughi civili negli ultimi giorni, mentre l’esercito fatica ad opporre resistenza.
La maggior parte delle persone che fuggono da Mossul hanno dovuto lasciare tutto nel giro di pochi minuti, visto il deteriorarsi della situazione.

Basta con l'uso distorto dei fondi per la cooperazione

Il . Inserito in Notizie di casa nostra

 

L'ex ministro dell'Ambiente Corrado Clini avrebbe intascato oltre un milione di euro facente parte del finanziamento che prevedeva anche una sorta di bonifica del bacino del Tigri e dell'Eufrate, nel sud iracheno. Lo scrive il Gip di Ferrara Piera Tassoni nell'ordinanza di custodia cautelare sottolineando che il denaro, attraverso l'emissione di false fatture, sarebbe finito su un conto corrente aperto a Lugano.

Cena solidale con ASoC

Il . Inserito in Comunicati per il sito

 

Sabato 14 giugno, alle ore 19.00
Al villino Rossi di Povolaro (Dueville)
CENA SOLIDALE
a sostegno del progetto Piccoli Artigiani Crescono in Benin

27 aprile 9 maggio 2014

Il . Inserito in Benin - Pensieri di cotone per l'Africa

Un viaggio in Benin con gli e.j.t “ bambini adolescenti lavoratori”


Il viaggio in Benin aveva lo scopo di incontrare i ragazzi della serigrafia a Calavi , una città in periferia a Cotonou (la capitale) per verificare le capacità produttive dopo il corso di formazione tenuto da Orazio e Aldo dell’ ass. Asoc di Vicenza e la visita di altri gruppi di base ejt per eventuali nuove collaborazioni.

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineTechnoratiLinkedinPinterest

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.